Build 2011 Microsoft Presenta e rilascia Windows 8

Il 13 Settembre 2011, ad Anaheim in California, si è tenuto BUILD, l’evento che tutti aspettavamo, in cui Microsoft ha finalmente mostrato al mondo le meraviglie di Windows 8.

Diversamente da quanto accaduto al CES 2011, presieduto da Steve Ballmer, in cui avevamo visto solo un Windows 7 capace di girare bene anche su processori ARM, questa volta Steven Sinofsky ha avuto l’onore di presentare il vero Windows 8, un prodotto interessante e ricco di novità.
Windows 8 Italia ha documentato in diretta lo streaming, con un LiveBlog che avete seguito in quasi 3000 utenti (grazie a tutti!), ma adesso andiamo ad analizzare i punti salienti della conferenza.
PRESUPPOSTI
La conferenza inizia puntualissima alle 18:00 (ora italiana), con Sinofsky che spara alcuni numeri:
  • 450 milioni di copie vendute di Windows 7, che supera così Windows XP.
  • 542 milioni di utenti ogni mese per Windows Live.
PUNTI CHIAVE
Windows 8 funzionerà su un’ampia gamma di device, con form factory e hardware molto differente (tantissimi dispositivi in bella mostra sul tavolo della conferenza), garantendo: un’esperienza touch senza precedenti, consumi energetici ridottissimi, retrocompatibilità con tutto ciò che funzionava su Windows 7, tanta connettività e servizi cloud.
PRESTAZIONI
Windows 8 funzionerà sui PC adatti a Windows 7, ma anche su dispositivi meno potenti. Viene mostrato un netbook Lenovo con 1GB di RAM, sui cui il solo Windows 7 SP1 ne consuma 404MB (32 processi), mentre   Windows 8 solo 281MB (29 processi).
Windows 8 gira bene su tutti i dispositivi in sala, a partire dal superdotato con tre schede video Nvidia in parallelo, sino al piccoletto col processore ARM.
INTERFACCIA IMMERSIVE
Julie Larson-Green ha il piacere di mostrare l’uso della nuova interfaccia Immersive, anche se l’emozione le gioca qualche brutto scherzo. Tutta l’esperienza utente è molto piacevole, grazie alla fluidità dell’interfaccia e all’intuitività con cui è possibile svolgere qualsiasi attività.
La nuova schermata Start è dominata dalle Live Tile, come su Windows Phone 7, che mostrano in tempo reale notifiche, aggiornamenti e altre informazioni utili, in modo molto accattivante.
Vedere foto e video è molto piacevole, così come interagire con i social network e navigare su internet, anche grazie alla gestione del multitasking, che permette di affiancare più applicazioni sullo schermo, ridimensionandole a piacere, come una sorta di evoluzione dell’Aero Snap di Windows 7.
SVILUPPO
L’evento era dedicato agli sviluppatori, quindi ampio spazio a questo argomento. Lo sviluppatore, grazie alle nuove API WinRT, potrà utilizzare tantissimi linguaggi per le applicazioni in Metro-Design, tra cui molti del mondo web, ovvero: C, C++, C#, VB, Javascript, HTML5.
Vengono esaltati i tool di sviluppo Microsoft (Visual Studio 2011 ed Expression Blend 5), capaci di far scrivere meno codice e in meno tempo, più ottimizzato per la nuova interfaccia.
L’ecosistema si infittisce, infatti è possibile trasformare rapidamente un’applicazione Silverlight per browser in una nativa per il nuovo OS. Cambiando un paio di righe di codice è possibile rendere compatibile con Windows Phone 7 un’applicazione nata per Windows 8.
MARKETPLACE
Per lo sviluppatore, caricare i propri lavori sul Marketplace è facilissimo, inoltre ha massima libertà perché può anche decidere di distribuirli tramite in proprio sito web (lodevole la possibilità di rimandare al sito dello sviluppatore per il download, anche dal Marketplace stesso).
Dall’altro lato, per l’utente finale, c’è finalmente garanzia di sicurezza (perché le applicazioni vengono verificate da Microsoft) ed un’esperienza piacevole grazie all’interfaccia Metro e alla possibilità di scaricare in prova le applicazioni a pagamento.
INTERFACCIA CLASSICA
Passare al “vecchio” desktop è un gioco da ragazzi, giusto il tempo di premere un tasto e lo switch è istantaneo. La grafica Metro qui non si impone troppo pesantemente, ma sono presenti piacevoli novità come la barra Ribbon e la nuova finestra di trasferimento file.
Su configurazioni multi monitor si ha finalmente la Taskbar su entrambi gli schermi, inoltre è possibile affiancare Immersive e Classic, uno per schermo (davvero fantastico!).
Durante l’uso dell’interfaccia tradizionale, tutte le app Metro vengono sospese, in modo da non consumare CPU e batteria, il che porta enormi benefici in termini energetici e prestazionali.
BOOT e STANDBY
I tempi di boot sono ridottissimi su tutti i dispositivi, il che è gradito sia nel tempo libero, che nel lavoro.
La ripresa dallo standby è istantanea e a riposo i consumi energetici sono pressoché nulli, pur mantenendo attivi i vari servizi di notifica e aggiornamento. Questo porterà enormi benefici in termini di autonomia sui dispositivi mobili, ma anche di rispetto dell’ambiente sui computer tradizionali.
NUOVO HARDWARE E NUOVI DRIVER
Giroscopio, accelerometro e magnetometro saranno uno standard sui dispositivi Windows 8, opportunamente accompagnati da nuove API per sfruttarli al massimo. I chip NFC permetteranno di far interagire il device con altri oggetti. L’uso dell’hardware più svariato sarà incredibilmente semplice grazie ai nuovi driver, capaci di interfacciarsi efficacemente anche con Immersive.
MASSIMO CONTROLLO
La connessione 3G viene gestita ottimamente dall’OS, anche grazie ad applicazioni Metro per i vari operatori mobili (mostrati AT&T e Vodafone) che permettono di tenere sotto controllo il consumo di banda.
Il nuovo Task Manager, nell’interfaccia classica, ci darà il massimo controllo su tutti gli aspetti del sistema, dalla possibilità di monitorare e fermare i processi, sino al monitoraggio dell’I/O del disco.
Il trasferimento file, velocissimo con USB 3.0, può finalmente essere messo in pausa con un click.
GLI ULTRASOTTILI
Tra i tanti device mostrati, gli “ultrabook” hanno fatto più volte applaudire il pubblico. Sono stati mostrati modelli Acer, Asus e Toshiba, davvero sottilissimi e leggeri, ma resistenti e dotati di CPU Intel.
FORMATTAZIONE FACILE
Il pannello di controllo Metro è molto intuitivo, davvero simile a quello di uno smartphone, e come tale si arricchisce di due importanti funzionalità: Reset e Refresh. Con il Refresh si riporta il sistema allo stato originario, ma senza perdere i file personali, mentre con il Reset si cancella completamente tutto, riportando il PC allo stato di fabbrica.
INTERNET EXPLORER
Internet Explorer 9 si conferma re dell’accelerazione hardware e in Metro viene dato maggiore spazio alle pagine internet, grazie agli elementi a scomparsa.
L’anteprima di IE 10 mostra il supporto nativo ad HTML 5 e si avvantaggia delle nuove API touch di Windows 8.
CLOUD
L’integrazione con i social network e Skydrive, per quanto riguarda le foto, è ai massimi livelli, tramite una bellissima galleria unificata.
Per altre cose invece dovremo continuare a fare riferimento all’interfaccia web (il che ci dispiace soprattutto per Skydrive, ma la disponibilità di molte nuove API fa ben sperare nello sviluppo di applicazioni che colmino questa lacuna).
Interessante la sincronizzazione delle impostazioni utente tra tutti i nostri dispositivi, grazie al semplice ausilio delle credenziali Windows Live.
GIOVANI SVILUPPATORI
Molte delle applicazioni realizzate per questa grandiosa anteprima sono state scritte da giovani stagisti, studenti di college che hanno lavorato qualche settimana con Microsoft, mettendo le mani su tutte le API di Windows 8, ancora in via di definizione. Vengono mostrati in un video a Redmond, ma 20 di loro sono in sala e ricevono l’applauso del pubblico.
The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it