I dipendenti di Microsoft sbottano: “Ballmer sta sbagliando tutto”

Venerdì scorso si è tenuto un incontro tra Steve Ballmer e i dipendenti di Microsoft. Più che incontro lo si potrebbe definire uno scontro. Molti dipendenti hanno infatti abbandonato con anticipo la riunione poiché insoddisfatti e delusi. Alcuni impiegati non sono proprio riusciti a trattenersi e hanno espresso commenti piuttosto duri verso la figura di Ballmer, attuale presidente di Microsoft.

Come riportato da Tom’s Hardware, alcuni dipendenti dell’azienda di Redmond hanno sfogato la propria frustrazione sul blog Mini-Microsoft che è ormai diventato un punto fermo per i retroscena dell’azienda. In pochi giorni i visitatori provenienti da tutto il mondo hanno potuto leggere le esternazioni dei dipendenti, ovviamente colorite e di parte.

La delusione nasce dalla sfiducia mostrata dai dipendenti nei confronti dei tablet e di Windows 8, sistema operativo rilasciato in beta da Microsoft qualche settimana fa e destinato ad alimentare sia i PC che i tablet-PC. Uno dei dipendenti racconta che subito dopo aver assistito alla presentazione di diverse slide, dedicate esclusivamente a Windows 8 e ai tablet – lasciando così in ombra gli altri prodotti che stanno facendo guadagnare Microsoft in questi mesi – circa 20.000 impiegati avrebbero abbandonato la sala in cui si stava svolgendo la riunione senza neanche un applauso “decente”. La gente ha quindi iniziato ad abbandonare l’incontro mentre Ballmer era ancora ai microfoni e stava tenendo il suo discorso.

I dipendenti non ha così potuto fare a meno di rimpiangere i bei tempi in cui parlava Bill Gates e veniva ascoltato con attenzione da tutti quanti. Alcuni hanno addirittura iniziato a domandarsi se non sia arrivato anche per Ballmer il momento di cedere la direzione di Microsoft a qualcun altro.

FONTE: iPhoneItalia

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it