Joe Belfiore: Windows Phone 7 è stata la risposta di Microsoft all’iPhone

Poche ore fa il capo per la progettazione software di Windows Phone ha ammesso che Microsoft ha completamente ridisegnato la sua piattaforma mobile del suo sistema operativo (Windows Mobile) come risposta al cambiamento epocale che iPhone ha apportato nel settore della telefonia.

Joe Belfiore, uno degli ingegneri che per primo portò al nuovo team di Windows Phone, ha commentato in un’intervista con il New York Times:

Apple ha creato un cambiamento epocale nel settore in termini di prodotti che si sono rivelati unici e di grande appeal per i consumatori […]. Abbiamo voluto rispondere con qualcosa che potrebbe essere competitiva, ma non la stessa cosa.

Secondo il rapporto, una volta che l’iPhone è esploso sul mercato, i dirigenti Microsoft hanno subito capito che il loro software, come era stato concepito, non avrebbe mai potuto competere con il dispositivo di Cupertino. Nel dicembre 2008, il capo di ingegneria cellulare di Microsoft, Terry Myerson, ha convocato una riunione per decidere il destino del software Windows Mobile. Soltanto sette ore dopo è stato deciso di accantonare il sistema operativo e ricominciare da zero.

Nel progettare il nuovo OS, Microsoft ha deciso di trovare un equilibrio tra l’approccio altamente chiuso di Apple e la strategia più permissiva di Android. Microsft ha inoltre lavorato evitare i problemi di frammentazione e le prestazioni che aveva afflitto Windows Mobile e, in qualche misura, Android.

Non si tratta solo di software,”  ha dichiarato Albert Shum, direttore generale dello studio di design per Windows Phone, “Si tratta di tutta un’esperienza in sè“.

La decisione di ricominciare era costoso, tanto che lo stesso CEO Steve Ballber era inizialmente titubante, anche perché ci vollero due anni per creare un vero prodotto che potesse competere con la concorrenza. Tuttavia, quando Windows Phone 7 è finalmente entrato sul mercato, verso la fine del 2010, non è riuscito a scalfire il primato di Google e Apple, che a oggi possiedono, rispettivamente il 52% e il 15 % di market share, mentre Microsoft è ferma a quota 1,5%.

Myerson stesso ammette che la piattaforma ha dovuto affrontare una strada in salita a causa del tempo perso:

L’ingresso nel mercato così tardi con questo OS ha creato alcuni problemi particolari per noi […]. Penso che se fossimo arrivati prima sarebbe stato diverso“.

Windows phone 7 ha avuto una seconda chance nel mercato statunitense all’inizio di quest’anno quando sono stati annunciati i primi Windows Phone basati su dispositivi Nokia, che si apprestava ad abbandonare lo sviluppo di Symbian OS.

Le due società hanno inoltre recentemente riferito che sveleranno lo smartphone di punta di Nokia al Consumer Electronics Show la settimana prossima.

Quindi, anche se il sistema operativo mobile di Microsoft è ancora titubante ad entrare sul mercato, in futuro potrebbero ancora attendergli un sacco di sfide!

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it