Apple aveva pronta una versione a 64bit di Final Cut Pro 8?

Il fondatore di RHED Pixel rivela particolari inediti sui retroscena del controverso Final Cut Pro X.
20111201-140751.jpg

Dopo il rilascio di Final Cut Pro X, Apple è stata inondata da una pioggia di critiche per il “nuovo corso” che il software leader nel mondo del video-editing, utilizzato da numerosi studi hollywoodiani, ha imboccato, deludendo tanto i fanatici dei prodotti made in Cupertino quanto i professionisti che si sono ritrovati con un revamp privato di varie componenti chiave.

20111201-140923.jpg

Tra le critiche mosse, ricordiamo:

la nuova interfaccia grafica decisamente meno “pro” della release precedente
l’import dei progetti da Final Cut Pro 6 o 7
l’impossibilità di utilizzare l’output OMF per l’audio
l’assenza di opzioni di esportazione del workflow in XML o EDL
l’importazione da pellicola, privata di numerose funzioni
l’export del montaggio su pellicola, ora senza opzioni definibili
Le “lacune”, però, Apple ha dichiarato che saranno colmate con successivi aggiornamenti anche se resta da capire il motivo per cui, avendo tutto il tempo per sviluppare il programma, abbia deciso di rilasciarlo senza queste componenti, conscia della loro importanza e del peso all’interno dell’applicativo. In una recente intervista segnalata da fcp.co Richard Harrington, fondatore di RHED Pixel, ha dichiarato che Apple aveva completato i lavori su una nuova versione a 64bit di Final Cut Pro 8 prima che venisse rilasciato X. Direttamente da Harrington:
C’era, pronto, Final Cut Pro 8 ed era a 64bit ma guardandolo dissero:”Non è quello che ci siamo prefissi, si tratta di una evoluzione, non è rivoluzionario”

e questo fu il canto del cigno della release 8.

Macrumors fa notare che dopo la segnalazione dell’intervista fatta da fcp.co, il video sia stato occultato, senza alcuna motivazione, alla visione pubblica e reso disponibile unicamente previo invito.

Nella news abbiamo più che altro marcato sugli aspetti criticati del software, ma è bene sottolineare come Final Cut Pro X sia l’unico applicativo professionale di video-editing offerto ad un prezzo consumer e che, invece, i nuovi utenti abbiano individuato nella GUI “semplificata” una curva di apprendimento meno ripida.

FONTE: SlideToMac

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it