Il CEO di RIM smentisce ufficialmente l’adozione di Windows Phone o Android nei BlackBerry

Solo ieri avevamo postato un articolo che trattava del possibile passaggio di RIM al sistema operativo di Windows Phone. Notizia smentita in poco più di mezza giornata dallo stesso Thorsten Heins, CEO di RIM, che non risulta interessato al passaggio ad altri OS, siano essi Windows Phone o Android.

Ecco le sue parole riassunte brevemente:

“Siamo giunti alla decisione che far parte della famiglia Android, per esempio, non si adatterebbe alla strategia di RIM. Non stiamo cercando di essere uno dei tanti. Stiamo cercando di essere diversi dalla massa. Stiamo cercando di essere la soluzione migliore per i nostri clienti che acquistano un BlackBerry e di sapere perché vogliono un BlackBerry. E stiamo puntando ad essere una valida alternativa per il futuro della telefonia mobile. Questo è ciò che stiamo puntando. Abbiamo intrapreso la strada più difficile? Assolutamente. Assolutamente, ma vogliamo rimanere concentrati sul nostro OS. Se continuo a fare affidamento sul sistema operativo di qualcun altro, vorrei almeno che mi permettesse di differenziare realmente i miei device e cercare di offrire al cliente quello che richiedono A ME. Ho un grande punto interrogativo sull’argomento. Quindi penso che la scelta di un sistema operativo proprio, seppur standard, sia la soluzione migliore.“.

Niente smartphone basati su Windows Phone 8 quindi per l’azienda RIM, che poco tempo fa ha dovuto affrontare un crollo drastico di vendite nel Q1 del 2012. Inoltre, afferma il CEO, BlackBerry10 non vedrà la luce prima del 2013. Come se non bastasse, per risparmiare fondi, la società ha dovuto licenziare 5000 operai. Le cose non sono certo facili per RIM dunque, che per somma di cose, potrebbe vedere il crollo totale fra non molto.

FONTE: WPMItalia

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it