Il punto della situazione sulla Apple iTV

Vogliamo proporvi un articolo redatto da iPhoneItalia: seppur non vi siano ancora notizie ufficiali, in rete continuano a diffondersi voci secondo cui Apple starebbe lavorando su un prodotto tutto nuovo che, come da tradizione dell’azienda, andrà a rivoluzionare un settore tutto nuovo del mercato, ossia quello dei TV. Soprannominata “iTV”, la televisione di Apple dovrebbe essere annunciata dall’azienda entro la fine del 2012 – si ipotizza che la presentazione possa avvenire già in estate – ma per ora si sa davvero poco su questo nuovo prodotto.

iTV

In questo articolo andremo a raccogliere la maggior parte delle informazioni emerse in questi mesi relative alla “iTV” esponendo anche alcune considerazioni su quelle che potranno essere le caratteristiche e il target commerciale di questo nuovo prodotto Apple.

Perché una “iTV”?

Effettivamente può sembrar strano. Per quale motivo Apple dovrebbe produrre una “iTV”? Quale vantaggio potrebbe trarre l’azienda dall’ingresso in un mercato già saturo come quello dei televisori? Nessuno, almeno in apparenza. Ma d’altro canto sappiamo tutti che se Apple decide di creare un qualcosa di nuovo lo fa per stabilire, grazie a quel prodotto, uno standard di eccellenza, destinato a diventare un punto di riferimento per i consumatori e per i competitor. Esempi perfetti di questa filosofia sono prodotti quali l’iPhone e l’iPad: nessuno dei due ha innovato nel vero senso della parola (esistevano smartphone prima dell’iPhone così come il mercato dei tablet aveva già iniziato a popolarsi, seppur a rilento, prima dell’iPad) ma entrambi hanno reinventato la propria categoria. Pensare ad uno smartphone moderno prima dell’avvento dell’iPhone sarebbe stato praticamente impossibile per chiunque e alla sola idea di applicazioni “intelligenti” come quelle di cui tutti disponiamo attualmente ci saremmo chiesti: “Ma ne abbiamo davvero bisogno? Il telefono serve per telefonare!”. E invece la storia ha dato ragione ad Apple.

Dalla “iTV” ci si aspetta quindi un prodotto altrettanto rivoluzionario. Un prodotto che consentirebbe ad Apple di imporsi in un settore tutto nuovo che, a detta di Steve Jobs, non ha ancora raggiunto il suo apice.

Possibili caratteristiche

Entrare in un mercato già solidamente costituito ed imporsi non è certamente facile. Ma Apple ha dimostrato di saperlo fare, specialmente nel 2007 quando l’azienda di Cupertino ha riscritto il concetto di “telefono cellulare” nei 20 storici minuti di presentazione dell’iPhone. La stessa situazione potrebbe ripetersi nei prossimi mesi.

Ma quali potrebbero essere le caratteristiche della “iTV”?

Partiamo dalle dimensioni: secondo alcune fonti abbastanza autorevoli, la “iTV” potrebbe essere disponibile in più versioni, con modelli che andranno dai 32″ ai 55″. Potrebbe confermare questa indiscrezione un altra notizia secondo cui Jonathan Ive, storico designer di Apple, disporrebbe di un prototipo di “iTV” da 42″ nel suo laboratorio. Tutti gli schermi dovrebbero utilizzare una combinazione di display OLED, un po’ come la TV Super HD di LG.

Per quanto riguarda invece le caratteristiche software, la Apple “iTV” dovrebbe utilizzare Siri per il controllo a distanza (Addio telecomando? Questa sarebbe davvero una rivoluzione!) e potrà eseguire applicazioni per iPhone e iPad, oltre che interfacciarsi con iTunes per riprodurre contenuti multimediali tramite connessione WiFi. Non è esclusa nemmeno la possibilità di sincronizzare i contatti, i calendari, gli account email e le altre informazioni tramite iCloud.

Come ogni altra Smart-TV attualmente in commercio, anche la “iTV” dovrà avere un sistema operativo, e tutto lascia ipotizzare che il televisore di Apple possa essere gestito proprio tramite iOS, sistema operativo attualmente utilizzato dai dispositivi mobile di Apple (iPhone, iPod touch e iPad). iOS è un sistema semplice e immediato: un’apposita versione studiata per un televisore potrebbe rendere molto più facile l’accesso alle trasmissioni che interessano l’utente (trasmissioni che, nel caso in cui la “iTV” fosse dotata di hardisk, potrebbero essere anche registrate).

E che dire del 3D? Fino ad ora Apple ha sempre snobbato questa tecnologia – che di fatto non è stata implementata, come ci si auspicava, in iPhone e iPad – ritenendola, probabilmente, ancora non matura. Anche per quanto riguarda la “iTV” non si hanno dettagli in merito.

Canali, contenuti esclusivi

Continuando a ricapitolare i rumor più quotati sulla “iTV”, secondo l’analista Gene Munster di Piper Jaffray la Smart-TV di Apple consentirà di guardare i classici canali satellitari e del digitale terrestre, ma anche di usufruire di contenuti esclusivi, sui quali però non si hanno ancora informazioni dettagliate.

Prezzi

Il prezzo della “iTV”, come da tradizione Apple, sarà abbastanza elevato. Si ipotizza che possa essere pari a circa il doppio del prezzo medio dei televisori attuali, a parità di dimensioni. Ciò significa che la “iTV” potrebbe oscillare tra i mille e i duemila euro a seconda della dimensione.

Conclusioni

Uno dei grandi progetti che Steve Jobs non è riuscito a portare a termine era proprio quello di reinventare il settore in cui si andrebbe a collocare la “iTV”. Tuttavia si ritiene che Tim Cook abbia ereditato alcune “linee guida” dallo stesso Jobs relative alla produzione dei prodotti Apple per i prossimi quattro anni. Tra questi, ovviamente, non è esclusa la presenza della “iTV”. Se dovesse concretizzarsi in estate, il televisore di Apple potrebbe realmente stravolgere tutti gli equilibri attuali di questa industria, a patto che la risposta dei consumatori sia buona e vengano mantenute le aspettative di molti. Ovviamente non vi è ancora nulla di ufficiale sulla “iTV”, ma non è escluso che Apple possa fissare un incontro con la stampa nei prossimi mesi per la presentazione pubblica del prodotto.

La prossima rivoluzione dell’era digitale sarà la “iTV”? Le premesse ci sono tutte.

FONTE: iPhoneItalia

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it