Al WWDC 2012 gli sviluppatori non sono preoccupati di futuri iPhone ed iPad con schermi diversi

Nelle ultime settimane si è parlato frequentemente di come Apple potrebbe introdurre display di dimensioni differenti sui suoi nuovi dispositivi, con riferimenti all’iPhone 5 e ad un ipotetico mini iPad, ma stando a quanto affermato da diversi sviluppatori intervistati presso la WWDC, pare che display di dimensioni differenti non sarebbero affatto preoccupanti per loro.

Come da titolo pare che gli sviluppatori che hanno partecipato alla WWDC di quest’anno non siano affatto preoccupati sul fatto che Apple possa introdurre un iPhone più grande ed un mini iPad, affermando che tali cambiamenti non provocherebbero grandi problemi per loro. Le dichiarazioni arrivano grazie ai 100 sviluppatori intervistati dall’analista Gene Munster di Piper Jaffray durante la WWDC 2012 di quest’anno che, come le edizioni passate, si è svolta presso il Moscone West di San Francisco, in California. L’analista ha chiesto loro quanto sarebbe stato difficile adattare le proprie applicazioni a display di dimensioni differenti, domande evidentemente indirizzate all’idea che Apple possa introdurre un iPhone con display di dimensioni maggiori ed un iPad “mini”, con display più piccolo.

Agli sviluppatori veniva chiesto di indicare su una scala da 1 a 10 quanto sarebbe stato difficile modificare le proprie applicazioni per le nuove risoluzioni, e stando a quanto indicato dagli sviluppatori la difficoltà media sarebbe di 3.4 su 10, suggerendo quindi come questa eventualità non sarebbe un vero e proprio problema: “Dati i pochi sforzi necessari agli sviluppatori per utilizzare un potenziale schermo iOS di dimensioni diverse, crediamo che l’introduzione di una nuova dimensione non influenzerebbe il successo o la disponibilità di apps su iOS” ha affermato l’analista Gene Munster in merito alla ricerca. Queste interviste arrivano dopo i numerosi rumors diffusi nei scorsi mesi in merito al fatto che Apple possa lanciare un iPhone da 4 pollici con aspect ratio da 16:9, permettendo di avere più spazio pur mantenendo l’usabilità ad una mano. Ricordiamo infatti come tutti gli iPhone fino ad ora abbiano un display da 3.5 pollici con aspect ratio da 3:2. Si è spesso parlato inoltre dell’ipotesi che l’azienda di Cupertino possa introdurre un iPad più piccolo con display da 7.85 pollici con risoluzione pari a 1.024 x 768 pixels.

Gli sviluppatori hanno inoltre riportato diverse cifre in merito alle proprie attività sulle diverse piattaforme, indicando come il 55% di essi sviluppi sia per iOS che per Android, un altro 14% per Windows Phone e solo il 9% per BlackBerry di RIM. Da questi dati è possibile evincere come il supporto degli sviluppatori su iOS per Android stia aumentando: basti pensare infatti come l’anno scorso “solamente” il 47% degli sviluppatori affermò di sviluppare anche per Android. E’ altrettanto chiaro come il supporto per BlackBerry sia letteralmente precipitato, arrivando al 9% rispetto al 36% dell’anno scorso. Naturalmente, vista anche la natura dell’evento, molti sviluppatori hanno espresso la propria preferenza verso iOS: del 55% degli sviluppatori impegnati su entrambe le piattaforme, infatti, l’84% ha affermato di preferire iOS per la facilità di sviluppo contro il 5% per Android ed il 2% per Windows Phone. Sembra infine che, stando a quanto riportato dagli sviluppatori, iOS sia la piattaforma con prospettive più rosee per quanto riguarda il fatturato potenziale delle applicazioni: il 64% degli sviluppatori infatti crede che Apple permetterà loro di fare più soldi, e lo stesso Munster ha affermato come anche loro credano che la fedeltà degli sviluppatori verso iOS permetterà di ottenere in futuro applicazioni innovative da offrire agli utenti.

FONTE: iPhoneItalia

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it