Il contratto di fondazione della Apple sarà messo all’asta da 100.000$

Il contratto originale che ha sancito la fondazione della Apple sarà messo all’asta tra due settimane dalla Sotheby, casa d’aste che ha previsto di ricavarne circa 150.000$.

Il contratto originale sarà messo all’asta il 13 dicembre, nell’ambito di una vendita più ampia di libri rari e manoscritti. La casa d’aste prevede che il contratto di fondazione della Apple sarà venduto ad una cifra tra i 100.000$ e i 150.000$. Il banditore ha definito il contratto come “il primo capitolo nella storia di una delle società più importanti d’America”.

Il documento di tre pagine, datato 1 aprile 1976, è firmato dai co-fondatori Steve Jobs, Steve Wozniak e il meno famoso Ron Wayne.

Proprio Wayne è l’autore del contratto e, stando alla biografia ufficiale di Steve Jobs, avrebbe convinto Wozniak a lasciare il suo lavoro per dare vita ad una nuova società, dando un contributo fondamentale alla nascita della Apple. Secondo il contratto, Jobs e Wozniak avrebbero diviso il 90% della società, mentre il 10% sarebbe spettato a Wayne.

Wayne, però, rinunciò alla sua parte pochi giorni dopo ricevendo 800$ di rimborso, convinto da suoi vecchi fallimenti e dal fatto di non voler essere personalmente responsabile di eventuali debiti che la Apple avrebbe potuto contrarre. Una vera sfortuna per lui, dato che oggi quel 10% sarebbe valso miliardi di dollari.

La vendita comprende non solo il contratto originale, ma anche l’accordo successivo che ufficializza il ritiro di Wayne.

FONTE: iPhoneItalia

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it