Italia: Android al 56,7%, iOS al 19%, Windows Phone all’11,7%… e tutti gli altri dietro

La nota società di analisi e statistiche Kantar ha pubblicato i dati sulla diffusione dei vari sistemi operativi mobile in Italia. La situazione nel nostro paese è la seguente: Android risulta essere l’OS mobile più diffuso con il 56,7% in crescita rispetto al 2011 del 11.9%, in seconda posizione si classifica iOS con il 19% in crescita rispetto al 2011 dell’1%, sul terzo gradino del podio troviamo invece Windows Phone con l’11% di market share che da un anno a questa parte è cresciuto del 7,8%. In seguito troviamo BlackBerry OS con il 3,7%, Simbyan con il 7,3% e infine Bada (il sistema operativo di casa Samsung) con l’1,5%.

Mentre negli usa quindi iOS ha recentemente superato di poco Android, in Italia è quest’ultimo che per ovvie ragioni domina il mercato (anche se in misura minore rispetto ad altri paesi europei come la Germania, dove il robottino verde arriva addirittura oltre al 70% di market share), iOS risulta comunque molto diffuso se consideriamo che è installato in una ristretta cerchia di dispositivi quali iPhone, iPad ed iPod e che quindi non può certo fronteggiare le migliaglia di dispositivi Android disponibili sul mercato. Un altro aspetto fondamentale è sicuramente il prezzo, l’iPhone in particolare è molto più costoso della media dei dispositivi Android, per questo dunque sarebbe più opportuno fare misurazioni tra iPhone e top di gamma Android e non includere nelle statistiche anche gli smartphone Android di fascia medio-bassa. Windows Phone ha visto invece una notevole crescita nell’arco dell’ultimo anno, l’Italia risulta infatti il paese europeo in cui è più diffuso l’OS mobile di casa Redmond. Staremo a vedere anche con le vacanze natalizie chi la spunterà e come si evolveranno questi dati nel corso dell’ultimo trimestre dell’anno in corso.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it