Apple Watch: poche unità al lancio ma la produzione starebbe migliorando

L’attesa per il primo smartwatch di Apple cresce sempre di più, l’Apple Watch arriverà nei primi paesi, Italia esclusa, tra circa un mese ma le unità pronte per il lancio sarebbero davvero poche. È questa la voce di corridoio lanciata dal noto portale americano 9to5Mac, che sostiene come durante il primo periodo di vendita dell’orologio intelligente le scorte saranno estremamente limitate.

Apple Watch: poche unità al lancio ma la produzione starebbe migliorando

Per evitare attese troppo lunghe il consiglio per gli utenti è quello di prenotarlo on-line non appena sarà possibile, ovviamente tutto ciò non vale per l’Italia dato che nel nostro paese l’Apple Watch dovrebbe arrivare solo a fine maggio. Sempre secondo il rumors non sarà ovviamente obbligatorio prenotare lo smartwatch ma essendoci molte varianti diverse senza una prenotazione potrebbe essere difficoltoso riuscire a trovare l’Apple Watch preferito.

Nonostante queste voci pessimistiche riguardanti la disponibilità del dispositivo ci sono pareri discordanti, TPK ad esempio ha annunciato che i problemi alla poduzione starebbero lentamente rientrando e che durante il 2015 saranno prodotte oltre 15 milioni di unità. Anche il DigiTimes sembra dello stesso parere e annuncia che i già citati problemi durante la produzione da parte dei fornitori asiatici siano stati in parte risolti e che comunque il numero di unità prodotte dovrebbe soddisfare l’intera domanda del dispositivo da parte dell’utenza. Ad ogni modo noi italiani dovremo aspettare qualche settimana in più per poter acquistare l’Apple Watch (a meno che non si vada appositamente all’estero ad acquistarlo) mentre dal 10 aprile inizieranno i preordini e dal 24 aprile la vendita nei seguenti paesi: Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong, Regno Unito e Stati Uniti.

Via

The following two tabs change content below.

Lorenzo Lanzarone

Amministratore
Studente di Informatica per il Management. Amministratore di TechEarthBlog e ViewSoftware. Visita il mio sito web personale: www.lorenzolanzarone.it